spot_img
spot_img
No menu items!
More

    Eccellenza, il recap: e se la Virtus Cupello fosse la vera favorita?

    Totalmente inaspettato quanto sta avvenendo nel campionato di Eccellenza in Abruzzo: le grandi favorite di inizio stagione (Avezzano e L’Aquila, certo, ed in subordine anche Torrese, Giulianova e Lanciano) sono attualmente impegnate a rincorrere la vera schiacciasassi di questo avvio. Di chi si parla? Ovviamente della capolista Virtus Cupello, società in grado di vincere tutte le partite disputate fino ad ora, tra cui lo scontro diretto in casa dell’Aquila. E non solo le impressioni, ma anche i numeri sembrano parlare chiaramente a favore del club vastese: 15 gol realizzati in 6 partite ed appena 1 subito, una media spaventosa e che sarebbe dovuta appartenere, nelle previsioni iniziali, alle società sopra citate. Ma tant’è: la Virtus Cupello appare come la vera favorita, in questo momento della stagione, per il salto in Serie D. L’ultimo successo, sul campo del Montesilvano, ha chiaramente definito i valori tecnici in campo, mentre il bomber Marinelli ha messo a segno il suo quinto gol stagionale, una media pari a quasi una rete a partita. E’ comunque la difesa, la migliore della categoria, ad impressionare per il club teatino: un solo gol subito in sei partite è roba davvero da salto di categoria.

    Dietro, in un modo o nell’altro, restano in scia le altre big. Vince L’Aquila (2-0) con Acosta e Di Ruocco contro la Bacigalupo; uomini di Giampaolo che pure hanno fallito soltanto il match contro la capolista, ma l’impressione non è quella del club schiacciasassi come da previsioni. Delude l’Avezzano, che pareggia a Casalbordino (1-1, reti di Pendenza e Zinni) e si fa superare in classifica proprio dai cugini aquilani, ritrovandosi ora al terzo posto e ad un preoccupante -4 dalla vetta (le dimissioni del vicepresidente Puglielli rappresentano chiaramente un ambiente non soddisfatto da questo avvio, nonostante tanti risultati importanti).

    Seguono il Giulianova, che certifica la crisi dell’Angolana con un secco 3-0 e continua a lodare il super-bomber Cissè, e la Torrese, che mette in mostra un bel calcio ed espugna per 1-2 il campo dell’ostico Capistrello. Appaiato con i teramani, Il Delfino Curi Pescara: ancora un successo di misura, stavolta per 0-1 (gol di Gobbo) sul campo del pericolante Villa, e posizione in classifica che parla di piena zona playoff.

    A quota 11 ecco Lanciano e Spoltore, che proveranno a giocarsi la zona playoff e che sembrano aver trovato una discreta quadra delle rispettive rose. Importanti i successi di questo turno: secco 3-1 del Lanciano sul Sambuceto, nonostante l’ennesimo centro del redivivo Miccichè per gli ospiti; avanti lo Spoltore per 2-1 contro l’ostico Penne grazie al solito “magicSparvoli e ad una autorete.

    Nel gruppo “di mezzo”, ecco Montesilvano, Alba Adriatica (che espugna il campo del pericolante Pontevomano con un secco 0-2), Bacigalupo e proprio il Sambuceto. La classifica è corta, ma la zona retrocessione pare discretamente distante.

    Proprio in zona playout, ecco a giocarsela Casalbordino (l’ultima che sarebbe salva, oggi, grazie al prestigioso pari contro l’Avezzano), Capistrello, Penne, Angolana, Villa ed il Pontevomano. Tutte sconfitte in questo turno, tutte in grande difficoltà: serve una reazione, o saranno dolori a fine stagione.

    ALTRI ARTICOLI

    spot_img

    CONDIVIDI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

    spot_img
    spot_img

    ULTIMI ARTICOLI

    spot_img
    P