Matese-Avezzano: Marcucci contro Verna, classe (abruzzese) al potere

Momenti e situazioni diverse, ma la sfida di domani fra Matese ed Avezzano contiene un denominatore comune: la classe al potere. Per gli amanti del calcio, infatti, spicca il confronto fra due talenti nostrani. Sarà Marcucci contro Verna. Il primo, che di nome fa Alessandro, è un pescarese classe ’05 all’esordio assoluto in Serie D, dopo l’ottima parentesi da under alla Renato Curi Angolana che gli ha permesso il salto di categoria. Il secondo, Cristiano (lancianese DOC), fra pochi giorni compirà ventinove anni e vanta già diverse stagioni da protagonista alle spalle che gli sono valse l’appellativo di “Mago Verna“. Due centrocampisti pronti a dar battaglia e spettacolo lì in mezzo al campo. Qualità, quantità, inserimenti e vizietto del gol…il match di domani potrebbe risolversi anche fra i piedi e le giocate di questi due ragazzi. Allacciate le cinture, non resta che divertirsi.

Nel frattempo abbiamo contattato entrambi per tastare le emozioni e le sensazioni nel day before di Matese-Avezzano.

LE PAROLE DELLA VIGILIA – ALESSANDRO MARCUCCI
Mi sto trovando molto bene. Sapevo che il livello di questa categoria sarebbe stato alto e mi sono fatto trovare subito pronto. Piedimonte Matese è un ambiente molto tranquillo, fin da subito mi sono trovato a mio agio con lo staff, la società e la squadra, sempre disponibili per qualsiasi problema. I tifosi sono fantastici, in casa si fanno sentire e rappresentano il dodicesimo uomo in campo. La cosa più bella, però, è che ci seguono ovunque, gli rende onore. La sfida di domani? Siamo pronti. Affrontiamo una squadra notevole con singoli molto forti, ma siamo preparati per dire la nostra. Veniamo da un pareggio importante contro il Fossombrone che ci ha restituito fiducia e carica. Il mio ruolo? Sto giocando esterno a destra. Mi piace il numero 7 ed un giocatore a cui mi ispiro molto è Barella, abile sia in fase difensiva che offensiva. Il gol contro il Roma City mi ha fornito una grande mano per il morale, trasmettendomi molta positività anche fuori dal campo. Spero di replicarla il prima possibile: segnare trasmette sempre emozioni impagabili.

LE PAROLE DELLA VIGILIA – CRISTIANO VERNA
Ad Avezzano mi trovo bene. Credo che la squadra sia forte, il presidente ha allestito una rosa importante. Vogliamo restare agganciati alla parte superiore della classifica. La vittoria contro il Campobasso è stata fondamentale, perché eravamo reduci da un passo falso a Termoli, dove avevamo comunque disputato un gran primo tempo. C’era forte voglia di riscatto e ci siamo riusciti. Ora è importante dare continuità di prestazioni e risultati. C’è fiducia per la trasferta di Piedimonte Matese, cercheremo di vincere la partita. A livello personale, mi sono sempre piaciuti i centrocampisti completi che sappiano fare entrambi le fasi di gioco. Lampard, Scholes ed Iniesta i miei modelli di riferimento. Indosso il numero 14 per Cruijff, l’ho sempre ammirato anche se soltanto in video cassetta. Un vero e proprio idolo. Il gol mi manca, spero di realizzarlo al più presto. Nelle prime partite ci sono andato vicino. Ora, col cambio ruolo, il gol non è la priorità, va bene la rete degli altri purché arrivi la vittoria.

ALTRI ARTICOLI

spot_img

CONDIVIDI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

spot_img
spot_img

ULTIMI ARTICOLI

spot_img
P