Turris, D’Amico rilancia: “Ripeteremo la grande stagione. Altre realtà? Si vogliono fare le nozze con i funghi…”

Rudy D’Amico, patron della Turris Calcio Val Pescara, ha parlato ai microfoni del suo ufficio stampa per raccontare le proprie impressioni in vista della stagione che verrà. Dopo il secondo posto nel Girone B di Promozione alle spalle del Teramo, infatti, i draghetti pescaresi tenteranno la scalata nel 2023/4: “Abbiamo disputato un’ottima stagione con un finale di campionato veramente importante, giocato a grandissimi livelli. Faccio i complimenti a tutta la rosa e allo staff tecnico per quello che hanno fatto vedere in mezzo al campo nel corso del torneo” ha spiegato il patron, che ha visto di recente gli addii del vice-presidente De Vincentiis e del direttore Di Crescenzo (oggi accasatosi al Lanciano 1920).

Quanto al futuro, D’Amico non ha lasciato dubbi: “Rimarrò a dare il mio contributo alla Turris. E’ un progetto condiviso con amici di lungo corso nel quale, con programmazione e con lungimiranza, riuscirò insieme agli altri dirigenti, a ripetere una grandissima stagione“.

Non mancano, ovviamente, i riferimenti a dei possibili avvicinamenti di D’Amico con altre realtà (le voci più insistenti hanno riguardato il Lanciano ed il Sambuceto, secondo quanto raccolto dalla nostra redazione): “Colgo anche l’occasione per sottolineare che spesso in questo ultimo periodo sono stato accostato ad altri progetti. Purtroppo quando approfondisci nel dettaglio i progetti, constato che spesso si vogliono fare le nozze con i funghi, e di certo non ho l’anello al naso. Le imminenti nuove riforme ( fiscalità, contratti ecc.) meritano una attenta gestione di tipo aziendale e non tutti sono consapevoli di ciò. Pertanto sono convinto di continuare un progetto dove ci sono tutte le condizioni per crescere per cercare di fare sempre meglio“.

ALTRI ARTICOLI

spot_img

CONDIVIDI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

spot_img
P