Scerni, mister Cianci: “Due gare col Rapino equilibrate. Peccato essere eliminati per un rigore…”

Non ce l’ha fatta lo Scerni a replicare l’eccellente cammino della scorsa stagione in Coppa Abruzzo. La compagine rossoblù stavolta si è fermata ai quarti di finale perdendo di misura il ritorno della doppia sfida con il Rapino.

Una sconfitta casalinga decisa dalla rete su rigore del capitano rapinese Donato D’Amore che ha condannato la formazione scernese all’eliminazione dopo lo 0-0 dell’andata. Alla nostra redazione mister Nicola Cianci esprime il suo rammarico: “Dispiace perché sono state due gare molto equilibrate tra andata e ritorno e la qualificazione si è decisa con un rigore a 7-8 minuti dalla fine e l’azione da cui è nato il gol è scaturita da un nostro errore di concentrazione. Purtroppo è un po’ la sintesi della nostra annata tutta molto strana…”.

Il portiere e allenatore dello Scerni poi aggiunge: “C’erano due rigori netti ma quest’anno non ce li danno nemmeno per grazia ricevuta…naturalmente non mi voglio appellare a queste cose perché la colpa di questa sconfitta è sicuramente nostra ma c’è rammarico. Ripetersi sarebbe stato veramente bello ma anche difficile perché abbiamo squadre che, soprattutto a livello mentale, stanno meglio di noi ed è giusto che vadano avanti. Ora concentrati sul campionato e dobbiamo raggiungere la salvezza il prima possibile perché i play-out sono ad un passo”, conclude Cianci.

ALTRI ARTICOLI

spot_img

CONDIVIDI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

spot_img
spot_img

ULTIMI ARTICOLI

spot_img
P