Molino stende la Casolana, Atessa ok!

Gara tiratissima tra Atessa e Casolana. La risolve una grande azione corale dei rossoblù a metà ripresa.

Nuovo turno casalingo per l’Atessa Calcio che, dopo la sconfitta interna con l’Ortona, è reduce dalla bella vittoria nella stracittadina con la Val di Sangro, disputata nello stesso impianto dell’odierno scenario. Ad affrontare i rossoblù arriva la Casolana di un tecnico già conosciuto e apprezzato da queste parti, anche se dalle sponde biancoazzurre, ovvero Angelo Bisci.
Mister Farina è costretto come sempre a fare i conti con le assenze: a fermarsi in questo turno, oltre ai lungodegenti Bussoli e Fonseca, ci sono Marchetti e Braccia, quest’ultimo alle prese con la frattura scomposta del polso destro patita nell’ultimo derby. Per questo, il tecnico atessano conferma il 4-2-3-1, scalando capitan Pili sull’out di sinistra e inserendo il giovane Canuto in mediana, il quale rimpiazza Braccia, unico avvicendamento dello scacchiere iniziale di settimana scorsa.
Le due formazioni non si risparmiano e creano due spunti notevoli già nel primo minuto di gioco, con il casolano Capuzzi, che calcia a lato da buona posizione, e con l’atessano Malvone, uno dei tanti ex, il quale sfrutta la susseguente rimessa da fondo campo e si invola in area avversaria, anche se poi conclude malamente a lato, sciupando l’occasione.
Ancora Atessa pericolosa al 9’ con l’incursione di Molino sulla destra, che supera Consalvo e serve al centro, dove non ci sono maglie rossoblù ma il solo Giangiulio il quale, con un intervento maldestro, per poco non infilza con fuoco amico il proprio portiere Napoli.
Con il passare dei minuti la Casolana comincia a guadagnare terreno e alzare il baricentro, sfoggiando le buoni doti tecniche e atletiche tipiche della compagine di mister Bisci.
Al 16’ è Arboleda che, dopo un flipper, riesce a liberarsi per la conclusione dal limite, sparando, però, a salve, con la sfera che finisce docile tra le braccia dell’attento Di Cencio.
Più pericolosa l’incursione dello stesso Arboleda al 26’, quando il talentuoso esterno scappa via sulla sinistra e serve un cross basso a centro area per l’accorrente Barry; a vanificare tutto, però, interviene capitan Pili, abile a chiudere la diagonale e anticipare la punta avversaria.
Al minuto 29 arriva il primo episodio controverso, allor quando il solito Arboleda, imbeccato da un bel lancio di Battista, viene cinturato in area da D’Ortona, che lo stende; il direttore di gara, il signor Di Rocco di Pescara, fa ampi cenni di proseguire tra le vibranti proteste degli ospiti. Un rigore che, obiettivamente, sembrava esserci.
L’ultimo sussulto di un primo tempo comunque vivace, ma senza grosse occasioni, è al 37’, con il mancino dal limite di Colabattista, il quale riesce a trovare lo spazio per calciare dopo il suggerimento dello sgusciante Arboleda. Tuttavia, Di Cencio blocca senza complicazioni.
L’intervallo è utile all’Atessa per riorganizzare le idee, tanto che nella ripresa la truppa del presidente Di Vincenzo sarà più intraprendente di quanto visto nel primo parziale.

Il secondo atto si apre con un altro episodio da moviola e questa volta a protestare sono i padroni di casa, dopo il contatto tra Giangiulio e Molino in piena area. Anche in questo caso, però, il fischietto di Pescara giudica non punibile l’episodio.
Il primo squillo è di Tucci, che prova direttamente da calcio di punizione al 53’, anche se la sua conclusione a filo d’erba passa sotto la barriera ma si spegne a lato.
Dall’altra parte anche Arboleda, al 56’, tenta la sorte su piazzato, ma in questo caso il pallone viaggia ben al di sopra della trasversale difesa da Di Cencio.
All’ora esatta sono i rossoblù a sfiorare il vantaggio. L’avanzato D’Ortona lascia partire un velenoso tiro cross smanacciato da Napoli; la sfera arriva sulla sinistra dalle parti di Quintiliani, il quale controlla e pennella al centro per l’accorrente Berardi, il quale sfodera una gran volée mancina che si stampa sulla traversa per poi finire la corsa sul fondo.
L’episodio sfortunato non è altro che il preludio al gol partita, che decide l’incontro e arriva al minuto 66, quando scocca l’ora del “cobra” Molino: dopo un paziente giro palla difensivo, Giancristofaro apre splendidamente sulla sinistra per Malvone, che addomestica e serve Canuto sullo scarico; il giovane mediano atessano riceve, alza la testa, e trova Molino con un bellissimo e intelligente tocco sotto; il bomber rossoblù non si fa pregare e, in una frazione di secondo, controlla con il destro e gira al volo con il sinistro, fulminando Napoli sul secondo palo. Azione bellissima, chiusa nel migliore dei modi da Molino per velocità e precisione di esecuzione. Per la punta classe 1995 si tratta del quinto centro in questo campionato.
Lo stesso Molino insiste e si fa notare in avanti anche al 79’, non trovando, però, il giusto impatto dopo il cross da fondo campo di capitan Pili, con l’incornata che finisce fuori misura.
Gli ospiti sono sempre vivi e creano la palla gol più ghiotta della ripresa al minuto 84: angolo dalla destra di Arboleda, mischia furibonda e occasionissima per La Morgia, il quale si ritrova il pallone a disposizione in piena area, ma spara clamorosamente alle stelle e gettando al vento l’opportunità del pareggio.
Nel finale, la Casolana continua a insistere ma l’Atessa tiene botta e chiude anche in avanti con molino che, al 91’, ci prova dal limite dopo una veloce ripartenza, non trovando, però, lo specchio della porta.
Poco male, comunque, perché di lì a poco il signor Di Rocco fischia tre volte e decreta la seconda vittoria consecutiva dell’Atessa, che supera una buonissima Casolana e si rilancia in classifica salendo in terza posizione, favorita dai risultati degli altri campi e dalle gare non disputate per maltempo.
Terza sconfitta stagionale per la truppa di mister Bisci, invece, che resta comunque all’interno della bagarre in zona play off e avrà la chance di un pronto riscatto domenica prossima, quando a Casoli arriverà un frastornato Miglianico, reduce da un periodo non facile.

IL TABELLINO DELLA GARA

ATESSA CASOLANA 1 – 0
MARCATORE:
21′ st Molino.

ATESSA CALCIO: Di Cencio F., D’Ortona, Pili E., Giancristofaro, Flocco, Canuto (47’st Tucci F.), Tucci S. (14’ st D’Antonio), Quintiliani, Molino, Malvone (32’ st Lemme), Berardi.
A DISPOSIZIONE: Di Cencio D., Di Bartolomeo, Mainella, Milanese, Pasquarelli, Pellecchia.
ALLENATORE: Gabriele Farina.
CASOLANA: Napoli, Giuliani (2’ st Hakani), Consalvo, Battista, Di Giuseppe, Giangiulio, Colabattista, La Morgia, Barry (17’ st Pasquarelli), Capuzzi, Arboleda.
A DISPOSIZIONE: Di Cino, Colanzi, Candeloro, Arifi, Tilli, Di Prinzio, Kola.
ALLENATORE: Angelo Bisci.

ARBITRO: Francesco Di Rocco sezione di Pescara (Marrollo di Vasto e Terrenzi di Pescara gli assistenti).
NOTE: ammoniti Tucci S., Giancristofaro e D’Ortona (AT); Di Giuseppe, Battista, La Morgia (CA). Recuperi 1 pt, 4 st. Spettatori 150 circa, buona rappresentanza ospite.

ALTRI ARTICOLI

spot_img

CONDIVIDI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

spot_img
spot_img

ULTIMI ARTICOLI

spot_img
P