Il punto sul girone C di Promozione – X giornata

La sintesi di tutto quello che è accaduto nella decima giornata del girone C di Promozione.

Giornata numero 10 nel girone C di Promozione, che va in archivio con 24 reti segnate e diversi, ormai consueti, movimenti di classifica.
La copertina della giornata non può che prendersela l’Union Fossacesia che, nel big match, schianta il Miglianico con un perentorio poker, tra l’altro di rimonta: infatti, dopo un avvio equilibrato, sono i gialloblù di mister Cicchitti a passare in vantaggio, per opera della zampata sottomisura di Morelli, ma l’entusiasmo dura solo 2 minuti, poiché, al 27’, i biancorossi rimettono subito le cose a posto con Giovannelli e, sul finale di tempo, ribaltano tutto con la gran volée del solito Lombardi; nella ripresa, poi, Vasiu timbra il settimo sigillo di questo campionato in apertura di tempo, seguito dalla prima gioia stagionale del centrale difensivo Martelli, che incorna alla perfezione e fa calare il sipario con qualche minuto di anticipo. Grazie anche ai risultati degli altri campi, il Fossacesia di patron Ursini si prende la vetta solitaria, dunque, mentre il Miglianico incappa nel secondo ko consecutivo, incassando ben 7 gol nelle ultime due gare e altrettante prestazioni sottotono, tanto che, secondo voci ufficiose, la panchina di mister Cicchitti non è più tanto solida.

Nell’altro scontro di cartello della giornata, a Montemarcone, l’Atessa e lo Scafa Passocordone impattano per 2-2, in una gara dalle forti emozioni e ben giocata da entrambi gli schieramenti: i rossoblù passano a condurre dopo 7 minuti, per effetto del secondo centro in campionato del giovanissimo laterale difensivo Carlo Braccia, classe 2003; gli ospiti non si fanno attendere e, tra il 12’ e il 18’, ribaltano a proprio favore lo score, dapprima con l’opportunismo di Barbuio, su dormita difensiva atessana, e poco dopo con l’eurogol di Castropaolo, il quale trova il jolly da posizione difficilissima. Da lì in poi tante occasioni da una parte e dall’altra ma il bersaglio grosso lo centra il subentrato Malvone, classe 2001, che si inventa uno slalom gigante in area scafatese e firma un gol d’autore, il primo con la casacca dell’Atessa, utile per fissare il risultato sul pareggio. Nel finale due ottime occasioni sui piedi di Barbuio, ma l’oriundo non incide come vorrebbe e deve accontentarsi, insieme alla sua truppa, di portare a casa un solo punto. Altra rimonta di carattere per i ragazzi di mister Farina, che trovano il pareggio numero 6 in questo campionato, scivolando in seconda posizione.
A tre punti dalla vetta si piazza la Casolana del tecnico Angelo Bisci, il quale si sbarazza della sua ex squadra, la Val di Sangro, con un secco 2-0, andando a segno una volta per tempo: nella prima frazione la sblocca Arboleda, al 10’, finalizzando una bellissima azione corale; nel secondo tempo arriva l’inzuccata del giovane Enrico De Lellis, al quarto d’ora, che chiude di fatto il match. Settimo risultato utile consecutivo dei gialloblù, che domenica affronteranno lo Scafa in terra pescarese, mentre la Val di Sangro scivola in ultima posizione, rimanendo in piena crisi e con il morale sotto i tacchi.

Insieme alla Casolana, a quota 17, c’è anche la Tollese, costretta al pari, sul campo di via Stingi, dai padroni di casa del San Salvo. Partono forte i biancoazzurri che, dopo oltre 500 minuti di astinenza, riassaporano la gioia della rete grazie a Battista, abile a correggere la traiettoria partita dal piazzato di Fiore; avvio shock per gli ospiti, che dopo il gol subito restano anche in inferiorità numerica, a causa del rosso rimediato da D’Intino; eppure, la truppa di mister Pasquini reagisce e raggiunge il pari alla mezzora con il solito Perrella. Nel secondo atto, succede tutto in due minuti, tra il 77’ e il 79’, con il nuovo vantaggio san salvese, ad opera di Giampiero Di Pietro, su calcio di rigore, e pareggio biancorosso griffato Del Bello. Nel finale, si ristabilisce anche la parità numerica, con l‘espulsione di D’Alessandro tra le fila locali. La Tollese si conferma squadra da trasferta (13 punti su 17 complessivi), mentre il San Salvo resta in zona calda, in attesa di una vittoria che manca dalla seconda giornata.
Nel gruppone di testa resta in scia anche il Francavilla, vittorioso, tra le mura amiche del Valle Anzuca, sull’Elicese di mister Maiorani. Partita per nulla dall’esito scontato, anche perché, nella prima frazione, sono gli ospiti ad avere la palla gol più nitida ma, appena tornati in campo dall’intervallo, i rossoverdi perdono un uomo, per effetto del rosso diretto sventolato nei confronti di Lepore. L’episodio accende la miccia dei locali, che riescono a trovare la via del gol, al quarto d’ora, con il puntuale timbro di bomber Bernabeo, il quale, nel finale, si trasforma anche da uomo assist, servendo il giusto pallone a Di Peco, che sfrutta il suggerimento e, in contropiede, ne approfitta per chiudere la pratica. Quattro vittorie ed un pareggio (con l’Atessa) per il Francavilla, prima per rendimento interno; si ferma dopo tre gare la striscia positiva dell’Elicese, invece, che domenica affronterà, nel proprio fortino, il San Salvo in una delicata sfida.

In una giornata che non fa registrare nessun colpo esterno, non stecca il San Giovanni Teatino, che supera di misura il Bucchianico e sale a quota 15 punti, in piena zona play off: i biancoverdi ipotecano la contesa nella prima mezzora, per effetto del gran destro da fermo di Sciarra, prima, e del delicato lob di D’Anniballe, dopo; il Bucchianico è però squadra viva e prova a rientrare in partita a fine frazione con Peralta, che colpisce anche un legno. I rossoblù riescono a dimezzare lo svantaggio solo al minuto 83, troppo tardi per evitare la settima sconfitta di questo campionato. Merito anche del San Giovanni Teatino, chiaramente, che torna a fare bottino pieno in casa, dopo il capitombolo con l’Atessa, e si gode una classifica decisamente buona, in piena linea con gli obiettivi stagionali.
Chiude il quadro il terzo e ultimo 2-2 di giornata, quello andato in scena al Di Meco di Lanciano tra l’Athletic e l’Ortona del nuovo tecnico Paolo Savini, che in settimana è subentrato all’esonerato Mario D’Ambrosio: i gialloverdi sono protagonisti di un ottimo avvio di gara, coronato dal vantaggio realizzato da Saltarin, dopo 10 minuti di gioco, con il quale si va al riposo; la pausa scuote l’undici di mister Fischio, che in apertura pareggia subito con Di Paolo e riesce a completare la rimonta a metà tempo, per effetto del primo squillo stagionale di Andrea Rapino; sembra ormai fatta per i rossoneri ma, proprio allo scadere, gli ospiti riescono ad evitare la figuraccia grazie alla concessione di un penalty, che il rientrante Ligocki non sbaglia, permettendo a mister Savini di conquistare il primo punto della sua gestione. Un punto che fa più che altro morale per i frentani, quantomeno utile per muovere la classifica dopo due sconfitte consecutive e agganciare la Val di Sangro, prossimo avversario, domenica prossima, ad Atessa.

RISULTATI 10 GIORNATA:

ATESSA SCAFA PASSO CORDONE 2-2
ATHLETIC LANCIANO ORTONA 2-2
CASOLANA VAL DI SANGRO 2-0
FRANCAVILLA ELICESE 2-0
SAN GIOVANNI TEATINO BUCCHIANICO 2-1
SAN SALVO TOLLESE 2-2
UNION FOSSACESIA MIGLIANICO 4-1

CLASSIFICA:

UNION FOSSACESIA 20
ATESSA CALCIO 18
SCAFA PASSOCORDONE 18
CASOLANA 17
TOLLESE 17
MIGLIANICO 16
FRANCAVILLA 16
ORTONA 15
SAN GIOVANNI TEATINO 15
SAN SALVO 10
ELICESE 8
BUCCHIANICO 7
VAL DI SANGRO 4
ATHLETIC LANCIANO 4

PROSSIMO TURNO (DOMENICA 05/12 ore 14.30)

BUCCHIANICO – UNION FOSSACESIA
ELICESE – SAN SALVO
MIGLIANICO – ATESSA CALCIO
ORTONA – FRANCAVILLA
SCAFA PASSOCORDONE – CASOLANA
TOLLESE – SAN GIOVANNI TEATINO
VAL DI SANGRO – ATHLETIC LANCIANO


ALTRI ARTICOLI

spot_img

CONDIVIDI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

spot_img
spot_img

ULTIMI ARTICOLI

spot_img
P