Promozione C: L’Atessa ribalta tutto e vince, l’Elicese protesta!

L’Atessa va in vantaggio, viene rimontata poi ribaltata tutto negli ultimi 20 minuti. L’Elicese esce sconfitta 2-3 ma recrimina diverse decisioni arbitrali.

Dopo quasi un anno di inattività torna finalmente il campionato anche nel girone C di Promozione. Nella prima giornata di questa nuova stagione, al comunale di Montemarcone di Atessa, obbiettivamente in non perfette condizioni, si affrontano l’Atessa Calcio e l’Elicese di mister Maiorani.
Mister Farina schiera il solito 4-3-3 anche a causa di diversi acciaccati, lanciando l’inedita coppia centrale Lanfranchi – Giancristofaro oltre ai terzini Braccia e capitan Pili, pronti a proteggere lo specchio difeso da Filippo Di Cencio; in mediana, spazio a Tucci, D’Ortona e Quintiliani, mentre in avanti agiscono Malvone e Berardi sugli esterni, pronti a rifinire il terminale offensivo Molino.
Parte subito forte l’Atessa, pericolosa già al 2’ con uno schema d’angolo sviluppato dalla destra, dove Berardi pennella al centro ma Lanfranchi e Molino si ostacolano e non riescono a trovare la rete da pochi passi. È ancora l’Atessa ad affacciarsi in avanti al 13’ con la conclusione volante di Quintiliani, il quale calcia al volo dopo una corta respinta della retroguardia ospite, spedendo il pallone oltre la traversa.
I biancoverdi non stanno a guardare e, dopo i primi minuti compassati, si fanno notare in avanti al 18’, quando Quadrini porta a spasso tutta la difesa atessana e scocca il tiro da buona posizione, alzando, però, troppo la mira.
Al 21’ torna a premere pericolosamente l’Atessa con la doppia occasione occorsa a Berardi, che dapprima viene anticipato prodigiosamente da Bassano, sul traversone di Molino, e nello sviluppo della susseguente rimessa laterale di D’Ortona, con l’acrobatica sforbiciata che si spegne abbondantemente a lato.
Di lì a poco finisce la gara di Tucci, vittima di un problema alla caviglia che lo costringe a sventolare bandiera bianca, favorendo l’ingresso in campo del giovane Lorenzo Canuto, classe 2002. Sarà una delle chiavi del match.
Infatti, al minuto 32, l’Atessa trova il gol del vantaggio: su una palla vacante sulla trequarti, D’Ortona interviene in maniera ruvida su Rucci che resta giù; il gioco continua e, tra le proteste ospiti, Berardi guadagna il fondo e lascia partire un cross al bacio per l’accorrente Canuto, il quale si inserisce a fari spenti con i tempi giusti e incorna da pochi passi, trafiggendo inesorabilmente Cappuccini; nonostante le vibranti lamentele rossoverdi, il gol è convalidato e vidima il primo centro tra “i grandi” per il giovane Lorenzo Canuto, atessano purosangue oltre che figlio d’arte, il quale, dopo tutte le trafile della scuola calcio e settore giovanile dell’Atessa Calcio, va in rete alla presenza numero 18 in prima squadra.
Sulle ali dell’entusiasmo i padroni di casa sfiorano il raddoppio al 38’ quando, sul lungo lancio di Braccia, Luciani sbaglia, regalando il pallone a Molino, il quale entra in area dalla destra e lascia partire un potente diagonale che esalta i riflessi dell’estremo ospite Cappuccini, bravo e rapido a respingere in tuffo.
Passata la paura, l’Elicese si riorganizza in maniera perfetta e, sul finale di tempo, piazza un pesantissima uno due.
Siamo al minuto 41 quando lo sgusciante Antognozzi riceve sulla sinistra, si incunea e serve un perfetto assist all’accorrente Lepore, bravo a farsi trovare smarcato a centro area, il quale calcia di prima intenzione, con il pallone che, radente al suolo, passa tra una selva di gambe e delicatamente si deposita in buca d’angolo, beffando Di Cencio.
Gli ospiti si galvanizzano e trovano il vantaggio proprio al minuto 45, allor quando la difesa locale non riesce a liberare un pallone pericoloso sulla propria trequarti, favorendo l’intervento di Cipressi, il quale si ritrova in posizione favorevole e, dai 20 metri, trova il bersaglio grosso con una conclusione meravigliosa a giro che va a togliere le ragnatele sotto l’incrocio dei pali. Sicuramente uno dei più bei gol della Domenica.

Passano una manciata di secondi è arriva un altro episodio criticato: Lanfranchi, già ammonito, stende Quadrini in zona mediana; il contestato direttore di gara, il signor D’Ovidio di Lanciano, dopo qualche esitazione grazia il centrale atessano, alimentando le proteste degli ospiti. Di lì a poco, si va al riposo sul parziale di 1-2.
Mister Farina corre ai ripari e, al rientro degli spogliatoi, inserisce il convalescente Flocco al posto proprio di Lanfranchi. I rossoblù rientrano più determinati e, inevitabilmente, con l’incombenza di raddrizzare il match, i rossoverdi, invece, con il minimo vantaggio da gestire.
Locali subito pericolosi al 47’ con il traversone da sinistra di Quintiliani, che trova l’avvitamento in tuffo di D’Ortona, anche se il pallone passa vicinissimo al palo, spegnendosi sul fondo. Risponde l’Elicese al 53’ con il piazzato dal vertice d’area di Cipressi che attraversa pericolosamente tutto lo specchio e termina a lato.
Mister Farina richiama in panchina il terzino Braccia e inserisce la punta Zekthi, facendo scalare D’Ortona ad esterno basso, indovinando la mossa tattica. Infatti, i rossoblù cominciano a spingere con più insistenza sulle fasce, in contemporanea con un fisiologico calo fisico degli avversari.
E così si arriva al minuto 67: ennesimo corner calciato dall’Atessa, altro schema e pallone che arriva a Berardi; l’esterno di casa lavora nel traffico dal lato destro del fondo e riesce a trovare il giusto corridoio rasoterra; da pochi passi, è lo zampone di Giuseppe Flocco ad arrivare prima di tutti e spingere il pallone in rete. 2-2 e primo sigillo in rossoblù pure per il centrale classe 1996, anche lui atessano doc.
Si galvanizza l’Atessa che, dopo un solo minuto, riesce anche a trovare il sorpasso grazie allo straripante Berardi che, questa volta da sinistra, pesca a centro area Molino, il quale stacca imperioso e trafigge Cappuccini. L’urlo del gol resta strozzato in gola al pubblico di fede locale, poiché l’assistente di linea ravvisa una presunta posizione irregolare della punta e annulla la marcatura tra le proteste.
Botta e risposta in un minuto al 73’: Elicese vicinissima al tris con il piazzato dal limite di Cipressi, deviato in barriera, che fischia vicinissimo al palo di destra difeso da Di Cencio; sul ribaltamento di fronte, D’Ortona crossa al centro per l’appostato Berardi, il quale gira di testa esaltando i riflessi di Cappuccini, che blocca in volo plastico.
Al 79’ Atessa ancora avanti con l’ennesima scorribanda esterna dell’attivissimo Berardi che, dalla destra, serve nel cuore dell’area Zekthi, il quale cicca clamorosamente il pallone e vanifica una grossa opportunità.
Poco male, comunque, poiché i tempi per completare il controsorpasso dei draghi sono maturi e si concretizza al minuto 84: bella manovra corale dell’Atessa, con la grande apertura a tutto campo di Quintiliani ad innescare D’Ortona; il numero sette controlla e prolunga per Malvone che, dal fondo, crossa basso verso il centro; Molino anticipa tutti e scaraventa in rete, facendosi trovare puntuale all’appuntamento con il primo sigillo in maglia rossoblù, questa volta assolutamente regolare. 3-2 e rimonta completata per i draghi.
Nel finale nervi tesi tra campo e panchine. Da sottolineare risulta solo l’azione di contropiede di Malvone, che da un rilancio dalle retrovie prova il diagonale dal limite, trovando solo i guantoni di Cappuccini, e il gran tiro da distanza siderale di Zekthi che tocca il palo e si spegne sul fondo.
In mezzo, altra protesta atessana su una vistosa trattenuta in area subita da Zekthi che va a terra ma né D’Ovidio né i suoi assistenti, ravvisano gli estremi per il calcio di rigore.
Al triplice fischio, è festa grande per l’Atessa, vittoriosa all’esordio davanti al proprio pubblico dopo una gara nervosa, tirata e complicata per come si era messa all’intervallo. Applausi anche agli sconfitti di mister Maiorani, usciti battuti ma con tanto da recriminare contro la terna arbitrale per alcuni episodi che avrebbero potuto cambiare decisamente le sorti del match.
Siamo solo all’inizio dei giochi, in ogni caso, e i rossoverdi hanno la possibilità del pronto riscatto domenica prossima, tra le mura amiche, ospitando il Miglianico nell’anticipo del sabato.
Per l’Atessa (che tra prima squadra e settore giovanile parte con l’en plein), invece, trasferta impegnativa in quel di Ortona, dove i rossoblù saggeranno le grandi potenzialità dell’undici gialloverde di patron Iurisci.

Il Tabellino

 

ATESSA CALCIO ASD ELICESE 3 – 2
MARCATORI: 32’ pt Canuto (AT), 41’ pt Lepore (E), 45’ pt Cipressi (E), 22’ st Flocco (AT), 39’ st Molino (AT).


ATESSA CALCIO: Di Cencio F., Braccia (19’ st Zekthi), Pili E., Tucci (21’ pt Canuto), Lanfranchi (1’ st Flocco), Giancristofaro, D’Ortona, Quintiliani, Molino, Malvone, Berardi.
A DISPOSIZIONE: Di Cencio D., Di Bartolomeo, Di Tondo D., Pili M., Marchetti, Bussoli.
ALLENATORE: Gabriele Farina.


ASD ELICESE
: Cappuccini, Di Flaviano (14’ st Sanlorenzo), Di Lorenzo, Cipressi, Luciani, Bassano, Antognozzi (20’ st Trovarelli), Rucci, Lepore (33’ st Di Iorio), Quadrini, Serrani.
A DISPOSIZIONE: Bozzelli, Zimei, Alfonsi, Di Davide, Basciano, D’Anteo.
ALLENATORE: Vincenzo Maiorani.

ARBITRO: Francesco D’Ovidio sezione di Lanciano (Carullo e Mastronardi di Lanciano gli assistenti).

ALTRI ARTICOLI

spot_img

CONDIVIDI L'ARTICOLO SUI SOCIAL

spot_img
spot_img

ULTIMI ARTICOLI

spot_img
P